RUSSIA, La violenza domestica non è reato

A Mosca il parlamento ha deciso di depenalizzare la violenza “leggera” all’interno delle mura domestiche. Picchiare il coniuge e i figli non sarà più un reato. Il colpevole sarà soggetto solo a una multa che potrà arrivare ai 500 euro. Chi usa le mani in famiglia, e non solo nei confronti dei figli ma anche del coniuge, rimane impunito se è la sua prima volta. Solo nel caso in cui l’aggressore torni a colpire lo stesso familiare potrà essere processato in sede penale e venir punito con il carcere.
Secondo noi questo cambiamento attuato dal parlamento non è adeguato a causa dell’aumento della violenza domestica. Cosi la situazione potrebbe aggravarsi sempre di più.
ELENA CICCOPIEDI LUCIA SANNUTO EMMA BRUNETTI SARA DONNINI LUDOVICA CERALDI
La Nazione del 4 febbraio 2017

Precedente Scuola in Fiamme Successivo Taxisti contro Uber