Milano: contrastata la vigilia del referendum

Lo spread bund/btp e’ diminuito a 161 punti, il punteggio minimo delle ultime 2 settimane, con ben 8 punti in meno rispetto a ieri.
In attesa del referendum costituzionale, a Milano il FTSE MIB ha chiuso a -0,07%. In particolare ribasso sono la Banca Mps e l’ Ubi Banca, che probabilmente acquisterà Banca Etruria Banca Marche e Banca Carichetti.
Ad attirare particolari attenzioni e’ il settore delle ex banche popolari, ora diventate Stato. L’aspetto messo in causa quello riguardante la possibilità data alle banche di astenersi, almeno parzialmente, al rimborso delle azioni su cui viene applicato il diritto di recesso. La decisione del consiglio di Stato potrebbe mettere in difficoltà diverse banche, costringendole a esborsare notevoli quantità di soldi.
Secondo noi l’eliminazione di determinate concessioni causerebbe un aggravamento della crisi bancaria, peggiorando così la situazione già critica.
Corriere Della Sera.
Irene Guidi, Martina De Cianni, Martina Rapuano, Sara Lastrucci, Erica Faffini.

borsa

Precedente Terremoto: La ricostruzione con i Fondi Strutturali Europei Successivo L'ombra della camorra dietro gli scaffali