Germania: bomba a chiodi nello zaino lasciato al mercatino di Natale da un 12enne

Un bambino di 12 anni tedesco-iracheno è stato accusato di aver piazzato una bomba a chiodi nascosta nel suo zaino ad un mercatino di Natale. L’ordigno avrebbe causato molte ferite gravi a molte persone che si trovavano vicino ma fortunatamente per un difetto della miccia l’esplosivo non è scoppiato. Pare che il ragazzo abbia legami sospetti con l’ISIS e che già l’estate scorsa abbia provato a raggiungere lo stato islamico per unirsi ai combattenti dell’ISIS. Il ragazzo, nato nella stessa città tedesca nel 2004, è fortemente radicalizzato ed è stato apparentemente istruito da un membro del gruppo terrorista. Ormai per compiere questi attentati si servono pure di vite giovani come quelle dei bambini ed è ovvio che non è un gesto che un ragazzo può concepire da solo e che ovviamente sono state altre persone ad influenzare le sue idee. In questo genere di attentati è difficile poter intervenire perché non è semplice pensare che un ragazzo possa compiere questo atti.
Pietro Fratini, Filippo Cutini, Gianmaria Mannelli, Kevin Kushtaj
La nazione del 17 dicembre 2016

zaino

Precedente Calo delle spese di Natale: 30 euro in meno a famiglia Successivo Il Treno va col vento